CSArt  
Sei in: Mostre, News & Eventi » Mostra, News & Evento »
White Carrara 2024 - Design is back


Sede
Centro storico
Citta
Carrara (MS)
A cura di
Domenico Raimondi
Tipologia
Festival



White Carrara 2024 - Design is back
Festival - Da Venerdi 14 giugno 2024 a Domenica 29 settembre 2024 Centro storico | Carrara (MS)

Dal 14 giugno al 29 settembre 2024 torna White Carrara, manifestazione che celebra il design Made in Italy e le eccellenze del territorio con una mostra diffusa di pezzi iconici, che raccontano una storia di ingegno e alto artigianato, tramandata di generazione in generazione.

Protagonista dell'ottava edizione – intitolata Design is back e diretta da Domenico Raimondi – è il marmo bianco di Carrara, che nei secoli ha attratto artisti e creativi da tutto il mondo, supportati da maestranze qualificate e avanzata tecnologia.

White Carrara è promossa e prodotta dal Comune di Carrara in collaborazione con Internazionale Marmi e Macchine CarraraFiere SpA e Nausicaa SpA, in compartecipazione con la Camera di Commercio Toscana Nord-Ovest, con il patrocinio di Regione Toscana e il contributo di Fondazione Marmo.

Per tutta l'estate, Carrara diventerà una galleria en plein air, incubatrice di idee, progetti, proposte e luogo privilegiato di confronto tra designer, architetti e artisti, artigiani e aziende, addetti ai lavori e appassionati. La mostra-evento Design is back si svilupperà attorno a due nuclei principali: da un lato il “ritorno a casa” di alcuni progetti realizzati nel tempo nei laboratori della città, dall'altro le nuove proposte di designer contemporanei, per facilitare l'incontro tra le generazioni e la trasmissione del know-how.

«La White 2024, con la sua declinazione sul tema dell’interior design, ha riportato la città di Carrara al centro di una tradizione che le aziende lapidee del nostro territorio non hanno mai abbandonato, quella della ricerca e della sperimentazione, della progettualità ed elaborazione di oggetti di arredo e design in marmo bianco, protagonista di fiere e vetrine importanti, che si svolgono in tutto il mondo, ma ormai fuori dal nostro territorio – dichiara Gea Dazzi, assessore alla Cultura e all’Istruzione del Comune di Carrara –. È dunque un ritorno a casa del bello e dell’innovazione intorno al marmo, così come lo ha pensato il curatore Domenico Raimondi, che ringrazio in primis, non solo per l’ideazione del progetto, ma soprattutto per aver saputo dialogare con gli imprenditori, gli artisti e gli artigiani, anche grazie al supporto importante di Aps Oltre, i commercianti e la città tutta, mettendo in luce la straordinaria sinergia che c’è dietro queste produzioni. Ringrazio Sandra Bianchi e la Imm tutta che ci ha offerto una preziosa collaborazione, e in particolare Massimo Cantoni, che ci ha seguito negli incontri con professionalità e passione. Ringrazio gli uffici del settore Cultura e la dirigente Cinzia Compalati che ha curato tutte le fasi esecutive. Ringrazio i designer, la Fondazione Marmo onlus e le aziende tutte, che hanno contribuito a vari livelli alla realizzazione della White 24, anche raccogliendo rinnovate sfide produttive e in tempi da record, i cui esiti potranno essere ammirati da molti visitatori per la prima volta proprio nelle nostre piazze. Carrara merita di raccontare questa storia e di tornare ad esserne la protagonista».

Un progetto che ha portato rinomati marchi del design italiano, come Alessi, Antonio Lupi Design, Bosa e Martinelli Luce, a stringere nuove collaborazioni con le aziende del territorio, su invito del direttore artistico Domenico Raimondi.

«Nel corso degli anni – spiega Domenico Raimondi – il design italiano e internazionale è ricorso alle cave di Carrara per la realizzazione di oggetti di uso quotidiano, dall'alto valore estetico, utilizzando la storica e perfetta sinergia tra l'alta maestria dei laboratori artigianali e l'innovativa professionalità delle aziende del territorio. Un vero e proprio patrimonio progettuale e culturale, visionario ed estetico, che spesso rimane nascosto alla città, rinchiuso nei luoghi di lavoro e stretto nei tempi di lavorazione, per poi svelarsi negli store e showroom di tutto il mondo, divenendo protagonista del vivere quotidiano».

Design is back sarà l'occasione per rendere omaggio a pezzi fondamentali della storia del design italiano – il cavatappi Anna G., il tavolo con sedute Tree Table + Rabbit Chair, il pouf Soul, tra gli altri – ma anche per presentare nuove produzioni in marmo fuori scala, come il bollitore della collezione Plissè di Michele De Lucchi e il panda Bernardo della designer Elena Salmistraro, ed eccellenze del territorio, come il tavolo Gomitolo e i lavabi Introverso e Pixel di Paolo Ulian.

La scultura Anna G. è stata realizzata in esemplare unico in marmo statuario venato dalla Sa.Ge.Van. come omaggio in occasione del ventesimo anniversario del cavatappi omonimo, disegnato da Alessandro Mendini per Alessi nel 1994. Dieci anni dopo, l'iconica Anna G. in marmo viene nuovamente presentata al pubblico per White Carrara.

Progettato da Stefano Giovannoni e realizzato da Robot City nel 2014 per il Salone del Mobile, Tree Table + Rabbit Chair è un'installazione in marmo composta da tavolo fitomorfo e sedute zoomorfe a forma di conigli. Unendo dimensione ludico-narrativa, ergonomia e funzionalità, Tree Table + Rabbit Chair nel tempo si sono trasformati in una famiglia di prodotti Qeeboo di forte comunicazione mediatica.

Soul è un pouf-scultura in marmo statuarietto dalle inedite linee fluide. Concepito dall'architetto Simone Micheli e realizzato da Sa.Ge.Van. nel 2023, esalta l'essenza della materia millenaria attraverso forme morbide e inaspettate.

Grazie alla sinergia tra Alessi, Franchi Umberto Marmi e Angeloni Marble studio, viene celebrata la collezione Plissè, disegnata da Michele De Lucchi, attraverso la proposta di un oggetto contemporaneo dalle radici lontane. Un grande bollitore in marmo, scultoreo eppure leggerissimo, capace di restituire il dinamismo delle vesti plissettate degli anni Cinquanta e Sessanta.

Per White Carrara 2024, Elena Salmistraro e la famiglia Barattini, attraverso Studi d'Arte Carrara, realizzeranno Bernardo nel pregiato marmo bianco della Cave Michelangelo. Bernardo è un panda, disegnato nel 2020 e prodotto da Bosa Ceramiche, simbolo di tutte le specie a rischio estinzione. Un eroe dei nostri tempi pronto a combattere per difendere tutti gli altri animali ricordando a noi, esseri umani, quanto è vitale la salvezza del nostro pianeta.
L'affetto per la propria città porta, infine, Paolo Ulian ad esporre per White Carrara 2024 il tavolo Gomitolo, prodotto da Bufalini Marmi attraverso la lavorazione concentrica di un'unica lastra che permette di ridurre al minimo la quantità di scarti, e Introverso e Pixel, due lavabi cilindrici disegnati per Antonio Lupi Design, che attraverso l'intervento dell'uomo svelano forme uniche e irripetibili. La tecnica della sbozzatura, solitamente utilizzata per le sculture, consente al designer di spogliare e svelare la forma e l'anima degli oggetti.

Tra gli oggetti più piccoli, esposti nelle vetrine, ma anche in fondi sfitti, in un'ottica di rigenerazione urbana, si segnalano le otto lampade/sculture del progetto Luci di Cava, ideate da 8 designer di prestigio internazionale grazie all'assistenza tecnica di Martinelli Luce e al supporto di FIDI – Florence Institute of Design International, la collezione del design storico Up&Up di Upgroup e la collezione La Casa di Pietra di Gumdesign.

White Carrara 2024 avrà anche un Circuito Off, grazie alla partecipazione degli artisti, dei laboratori e delle gallerie d'arte del territorio, che animeranno il centro storico con esposizioni ed eventi collaterali alla manifestazione.

«Crediamo nella cultura del progetto come pratica collettiva, in cui idee, abilità e realtà diverse si incontrano e si mescolano, mettendo a disposizione strumenti e qualità di cui ogni progetto ha bisogno», sottolinea Raimondi. «Abbiamo costruito White Carrara 2024 con le preziose forze artigianali, artistiche, culturali e imprenditoriali di una comunità e i tesori di un territorio: è davvero un'esperienza collettiva, fondata sulla responsabilità e la generosità del condividere ciò che Carrara è in grado di fare. La condivisione rende una comunità più forte, coesa, orgogliosa e la rende coraggiosa, forte e flessibile di fronte alle difficoltà. Questa è la White che abbiamo costruito insieme, con passione e determinazione».

In previsione di White Carrara 2024, l'Accademia di Belle Arti di Carrara ha coinvolto i propri studenti nel recupero della memoria del design a Carrara, che in un passato recente ha visto Santini, Munari, Coppola e Mangiarotti in veste di docenti. Il ciclo di incontri dal titolo Design: tra natura e bellezza, il fascino del marmo rivolto agli studenti del corso di design e scultura ha avviato un percorso creativo che si è concluso con la realizzazione di alcuni progetti di product design dedicati al marmo.

Sono previsti speciali appuntamenti rivolti alla cittadinanza e al pubblico: visite guidate ai laboratori artistici e nelle aziende del lapideo in collaborazione con Carrara Studi Aperti, escursioni alle cave, attività per i più piccoli, appuntamenti musicali e iniziative enogastronomiche con il coinvolgimento delle associazioni di categoria e i produttori locali.

White Carrara è l'occasione per promuovere le eccellenze del territorio e confermare la vocazione di Carrara quale Città Creativa Unesco, attraverso un'iniziativa che punta a raccontare il “paesaggio” del marmo, la storia di una comunità e l'identità dei luoghi.

White Carrara si svolge in contemporanea alla mostra Romana marmora. Storie di imperatori, dei e cavatori, allestita al CARMI museo Carrara e Michelangelo (https://carmi.museocarraraemichelangelo.it/), tracciando così un ideale collegamento tra le origini di Carrara, legate alla lavorazione artistica del marmo, e le sue attuali declinazioni. Al mudaC | museo delle arti Carrara (https://mudac.museodellearticarrara.it/), è allestita la sezione dedicata alle arti visive di White Carrara, a cura di Cinzia Compalati, con le mostre personali degli artisti Paolo Cavinato e Gabriele Landi, le cui realizzazioni incontrano tangenze estetiche con il tema del design.

Per informazioni e approfondimenti: https://whitecarrara.it/.

White Carrara 2024 è firmata Domenico Raimondi - thesignlab, laboratorio di creativi e designer che operano nel campo progettuale e visivo. Art director e designer, Raimondi ha completato gli studi tecnici presso l'Istituto Europeo di Design di Torino. La sua formazione comprende un master in landscape design diretto dal Centro Ricerche IED di Milano nonché importanti esperienze progettuali internazionali inerenti l'exhibith design, la progettazione di eventi e la comunicazione. Fondatore del laboratorio creativo che porta il suo nome attivo a Lucca e a Torino, opera nel campo progettuale e visivo con particolare riferimento a progetti e organizzazione di interior design residenziale, commerciale, espositivo e museale. Da sempre al fianco di istituzioni e aziende leader nella realizzazione di soluzioni allestitive e di comunicazione attraverso dirette sinergie con gli uffici marketing, visual e brand promotion.

Tags
White Carrara | Carrara | Design | Domenico Raimondi
clear
Galleria Fotografica
Locandina
Locandina
immagine immagine
Locandina

Anna G di Alessandro Mendini per Alessi, 1994, produzione in marmo Sa.Ge.Van., 2014
Anna G di Alessandro Mendini per Alessi, 1994, produzione in marmo Sa.Ge.Van., 2014
immagine immagine
Anna G di Alessandro Mendini per Alessi, 1994, produzione in marmo Sa.Ge.Van., 2014

Animable di Emiliano Moretti, Torart, 2008
Animable di Emiliano Moretti, Torart, 2008
immagine immagine
Animable di Emiliano Moretti, Torart, 2008

Plissé di Michele De Lucchi, Alessi, 2018
Plissé di Michele De Lucchi, Alessi, 2018
immagine immagine
Plissé di Michele De Lucchi, Alessi, 2018

Bernardo di Elena Salmistraro per Bosa, 2020
Bernardo di Elena Salmistraro per Bosa, 2020; produzione in marmo Studi d'Arte Carrara, 2024. Crediti fotografici Massimo Cantoni - IM
immagine immagine
Bernardo di Elena Salmistraro per Bosa, 2020; produzione in marmo Studi d'Arte Carrara, 2024. Crediti fotografici Massimo Cantoni - IM

Gomitolo di Paolo Ulian, Bufalini Marmi, 2015 #1
Gomitolo di Paolo Ulian, Bufalini Marmi, 2015 #1
immagine immagine
Gomitolo di Paolo Ulian, Bufalini Marmi, 2015 #1

Agenda Eventi Newsletter
immagine Perchè aderire a CSArt immagine
  Perchè CSArt è un portale interamente dedicato al mondo dell’arte per mettere in rete artisti, gallerie ed associazioni culturali, ma anche uno studio professionale, in grado offrire servizi di consulenza qualificata per l'organizzazione e la comunicazione di mostre ed eventi, la costruzione di siti web, la stesura di testi critici e la realizzazione di pubblicazioni e cataloghi.
 
immagine   immagine
feed RSS Feed RSS »
Archivio »
Se desideri essere periodicamente aggiornato sulle inaugurazioni, le mostre, gli eventi e le novità che riguardano gli artisti, i musei, le fondazioni, le gallerie e le associazioni che fanno parte della rete di CSArt, ma anche conoscere nuovi talenti e realtà culturali, iscriviti al servizio Newsletter di CSArt.it compilando i campi sottostanti. Riceverai una mail di conferma nella tua casella di posta e tramite un link potrai ultimare l'iscrizione.
immagine iscrivimi immagine

Seguici anche su... Condividi
Facebook
Twitter
Instagram
Pinterest
Linkedin
YouTube
CSArt di Chiara Serri, Via Emilia Santo Stefano, 54, 42121 Reggio Emilia, P. Iva 02390340350 - All Rights Reserved   Privacy Policy - Preferenze cookies - site by Antherica srl

Le immagini qui riprodotte sono state fornite a CSArt dagli artisti o dagli organizzatori dell'evento per le esigenze legate all'ufficio stampa. Possono pertanto essere "scaricate" solo al fine di corredare servizi, articoli e segnalazioni inerenti l'iniziativa cui si riferiscono. Qualunque indebito utilizzo è perseguibile ai sensi di legge.