CSArt  
Sei in: Mostre, News & Eventi » Mostra, News & Evento »
Rerum perturbator, Distruptor of things - Giordano Montorsi e Sandra Moss


Indirizzo
Corso Cavour, 7
Sede
Palazzo dei Principi
Citta
Correggio (RE)
A cura di
Elena Giampietri
Tipologia
Mostra collettiva



Rerum perturbator, Distruptor of things - Giordano Montorsi e Sandra Moss
Mostra collettiva - Da Sabato 10 settembre 2022 a Domenica 9 ottobre 2022 Palazzo dei Principi | Correggio (RE)

Prosegue, fino al 9 ottobre 2022, presso il Palazzo dei Principi di Correggio (RE), la mostra “Giordano Montorsi-Sandra Moss. Rerum perturbator, Distruptor of things”, a cura di Elena Giampietri.

Il progetto espositivo nasce da urgenze sociali molto attuali: la conservazione del pianeta, i cambiamenti climatici e la guerra. L’arte di Montorsi e Moss vuole essere un’occasione di riflessione e presa di coscienza. La prima sezione della mostra, con opere di Sandra Moss per la maggior parte ad encausto, è un omaggio al regalo che quotidianamente la natura ci offre: respiro, scoperta, silenzio, dialogo interiore ed armonia.

“La ricerca nasce dallo stretto contatto con la natura mentre cammino nei dintorni di Canossa, area protetta del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano -  commenta Moss. Si può dire che io lavori direttamente nel bosco”. In “Faccio finta di niente” (2012), c’è un monito a non essere indifferenti di fronte all’intervento dell’uomo, a lasciar respirare la natura.

Raccordo tra la prima e la seconda sezione, dedicata alle opere di Giordano Montorsi, è “Dormono le verdi valli al tramonto”, 2006-2007. La natura ha le sue leggi e il suo equilibrio. È dell’uomo la presunzione di superiorità, la volontà di modificarne l’armonia, di inserirsi come disturbatore di quest’equilibrio e distruttore. Montorsi ha voluto esplicitamente affiancare a "No war nowhere" (2011) il pensiero di Papa Francesco, per ribadire la sua denuncia sociale: “La guerra stravolge tutto, è follia pura, il suo unico obiettivo è la distruzione e se avessimo memoria, non spenderemmo decine, centinaia di miliardi per il riarmo, per dotarci di armamenti sempre più sofisticati, per accrescere il mercato e il traffico delle armi che finiscono per uccidere bambini, donne, vecchi: 1981 miliardi di dollari all’anno, secondo i conteggi di un importante centro studi di Stoccolma. Segnando un drammatico + 2,6% proprio nel secondo anno di pandemia, quando invece tutti i nostri sforzi si sarebbero dovuti concentrare sulla salute globale e nel salvare vite umane dal virus” (Papa Francesco, dall’Introduzione a "Contro la guerra. Il coraggio di costruire la pace", 2022). Tra i pezzi più importanti di Montorsi anche “Horror Mirror” (2009) e “Totem con figure metacosmiche” (1991-2022).

Giordano Montorsi nasce a Ventoso di Scandiano il 9 aprile 1951. Artista, è stato professore ordinario di Tecniche Pittoriche e di Tecnologia delle Arti Visive all’Accademia di Belle Arti di Urbino, di Venezia e di Milano. Dagli anni ’70 ad oggi ha esposto le sue opere in mostre personali e collettive in varie città italiane e all’estero. Il suo lavoro, da sempre vario, si apre alle più disparate discipline. Sue opere sono esposte nei Musei di Reggio Emilia, Pescara, L’Aquila, Torre Pellice, Troina. È stato uno degli ideatori e fondatori della rivista d’arte “Origini”. Dal 2011 al 2016, collabora con l’artista Sandra Moss alla realizzazione di ArtPoint 18.

Sandra Moss, artista americana, nasce in Ohio, USA nel 1954. Arriva a Venezia nel 2002 per studiare le tecniche pittoriche tradizionali italiane all’Accademia di Belle Arti di Venezia. Dal 2003 vive e lavora a Macigno, un borgo matildico, in una zona naturale protetta. La sua pittura parte dal contatto con la natura ed esplora, si confronta e dialoga con l’universo naturale che ci circonda. Ha preso parte a esposizioni personali e collettive in Italia e negli USA. Dal 2003 collabora con Giordano Montorsi con installazioni in spazi pubblici e nello spazio storefront Artpoint 18.

Orari: martedì, giovedì, domenica e festivi ore 10-12.30 e 15.30-18.30; sabato 15.30-18.30. Per informazioni: T. +39 0522 691806, museo@comune.correggio.re.it, www.comune.correggio.it





Tags
Elena Giampietri | Sandra Moss | Giordano Montorsi
clear
Galleria Fotografica
Giordano Montorsi, No war nowhere, 2011
Giordano Montorsi, No war nowhere, 2011
immagine immagine
Giordano Montorsi, No war nowhere, 2011

Sandra Moss, Faccio finta di niente, 2012, installazione
Sandra Moss, Faccio finta di niente, 2012, installazione
immagine immagine
Sandra Moss, Faccio finta di niente, 2012, installazione

Agenda Eventi Newsletter
immagine Perchè aderire a CSArt immagine
  Perchè CSArt è un portale interamente dedicato al mondo dell’arte per mettere in rete artisti, gallerie ed associazioni culturali, ma anche uno studio professionale, in grado offrire servizi di consulenza qualificata per l'organizzazione e la comunicazione di mostre ed eventi, la costruzione di siti web, la stesura di testi critici e la realizzazione di pubblicazioni e cataloghi.
 
immagine   immagine
« Settembre 2022 »
DoLu MaMe GiVe Sa
    1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30
feed RSS Feed RSS »
Archivio »
Se desideri essere periodicamente aggiornato sulle inaugurazioni, le mostre, gli eventi e le novità che riguardano gli artisti, i musei, le fondazioni, le gallerie e le associazioni che fanno parte della rete di CSArt, ma anche conoscere nuovi talenti e realtà culturali, iscriviti al servizio Newsletter di CSArt.it compilando i campi sottostanti. Riceverai una mail di conferma nella tua casella di posta e tramite un link potrai ultimare l'iscrizione.
immagine iscrivimi immagine

Seguici anche su... Condividi
Facebook
Twitter
Instagram
Pinterest
Linkedin
YouTube
CSArt di Chiara Serri, Via Emilia Santo Stefano, 54, 42121 Reggio Emilia, P. Iva 02390340350 - All Rights Reserved   Privacy Policy - Preferenze cookies - site by Antherica srl

Le immagini qui riprodotte sono state fornite a CSArt dagli artisti o dagli organizzatori dell'evento per le esigenze legate all'ufficio stampa. Possono pertanto essere "scaricate" solo al fine di corredare servizi, articoli e segnalazioni inerenti l'iniziativa cui si riferiscono. Qualunque indebito utilizzo è perseguibile ai sensi di legge.