CSArt  
Sei in: Mostre, News & Eventi » Mostra, News & Evento »
Il corpo non mente. L'anima oltre il corpo nella pittura moderna


Indirizzo
Viale dei Mille, 44/D
Sede
Galleria de' Bonis
Citta
Reggio Emilia
Tipologia
Mostra collettiva



Il corpo non mente. L'anima oltre il corpo nella pittura moderna
Mostra collettiva - Da Sabato 26 febbraio 2022 a Sabato 16 aprile 2022 Galleria de' Bonis | Reggio Emilia
Body positivity, body shaming, bellezza e nudo nella storia dell’arte sono solo alcuni dei contenuti della mostra collettiva “Il corpo non mente. L’anima oltre il corpo nella pittura moderna”, che si terrà alla Galleria de’ Bonis di Reggio Emilia (Viale dei mille, 44/D) dal 26 febbraio al 16 aprile 2022.

Protagoniste dell’esposizione saranno opere di importanti autori del Novecento storico italiano, come Renato Guttuso, Fausto Pirandello, Mario Tozzi, Emilio Greco, Franco Rognoni e Alberto Manfredi, affiancate da alcune ricerche di autori contemporanei, come Nicola Samorì, Hyena e Massimo Lagrotteria.

Gli artisti di questa rassegna, maestri della bellezza ed interpreti della realtà, raffigurano corpi imperfetti, asimmetrici, ipnotici, disarmonici. Corpi veri, molto carnali, non attraenti e idealizzati, ma reali, specchio di mille emozioni.

Una raffigurazione del corpo totalmente diversa da quella proposta dai mass media della nostra epoca. È, infatti, frequente che la pubblicità, lo spettacolo e ora anche i social media alzino l’asticella della performance estetica, avvalorando una rappresentazione del corpo tanto irreale da creare in molte persone addirittura frustrazioni, che arrivano a volte a trasformarsi in malattie. 

Un primo livello di lettura di queste opere rimanda alla body positivity, invitando l’osservatore a rivedere il concetto stesso di bello e a chiedersi se l’arte debba sempre essere foriera di bellezza e, soprattutto, di quale bellezza? Un secondo livello di lettura, più profondo, porta invece a capire come questi corpi siano solo una porta che permette l’accesso all’anima, che ne raccoglie e ne fa trasparire le emozioni; il corpo non è il reale oggetto di interesse, ma solo un veicolo.

È interessante notare come gli artisti non indichino uno stato sociale, ma uno stato dell’anima. Non si può dire se queste donne siano sposate o nubili, giovani o vecchie, ricche o povere, ma possiamo capire se sono spaventate o felici, se si sentono sole o se sono aggregatrici. Gli artisti non indagano un ruolo, li indagano tutti: lavoratrici, sorelle, amiche, sovversive, madri, amanti.

«La differenza fra le immagini femminili che vediamo oggi e quelle che animano questa mostra – spiegano i galleristi Stanislao de’ Bonis e Margherita Fontanesi – sta nel fatto che il modello estetico femminile attuale è creato dal mondo della moda e del consumismo ed è dunque oggettivato e spesso sessualizzato per vendere un prodotto. Il modo di ritrarre le donne di questi artisti, invece, non le riduce a oggetto, a bene di consumo o a proprietà, ma cerca di capirne l’essenza, avvicinando in questo l’arte alla maggior parte delle tradizioni spirituali».

L’intero periodo della mostra sarà animato da diverse interviste a professioniste e professionisti del mondo dell’arte, della moda, delle scienze umane e sociali, della politica e dell’imprenditoria, che si confronteranno con i galleristi sul tema della mostra a partire dalle opere esposte.

Le interviste verranno pubblicate sul sito web della Galleria (www.galleriadebonis.com) e trasmesse sui canali social (YouTube, Facebook, Instagram), dove saranno preventivamente annunciate.

L’esposizione sarà visitabile dal 26 febbraio al 16 aprile 2022, dal martedì al sabato con orario 10.00-13.00 e 16.00-19.00, il giovedì dalle 10.00 alle 13.00. Ingresso gratuito; accessi regolamentati nel rispetto della normativa vigente. Per informazioni: tel. 0522 580605, cell. 338 3731881, info@galleriadebonis.comwww.galleriadebonis.com.

Tags
Galleria de' Bonis | Renato Guttuso | Fausto Pirandello | Mario Tozzi | Emilio Greco | Franco Rognoni | Alberto Manfredi | Nicola Samorì | Hyena | Massimo Lagrotteria.
clear
Galleria Fotografica
Alberto Mafredi, Nudino, 1979, olio su faesite, cm 37x20 ca.
Alberto Mafredi, Nudino, 1979, olio su faesite, cm 37x20 ca.
immagine immagine
Alberto Mafredi, Nudino, 1979, olio su faesite, cm 37x20 ca.

Hyena, 70128, 2007, tecnica mista su tela, cm 80x120
Hyena, 70128, 2007, tecnica mista su tela, cm 80x120
immagine immagine
Hyena, 70128, 2007, tecnica mista su tela, cm 80x120

Nicola Samorì, Testa, 2007, tecnica mista su carta, cm 50x70 ca.
Nicola Samorì, Testa, 2007, tecnica mista su carta, cm 50x70 ca.
immagine immagine
Nicola Samorì, Testa, 2007, tecnica mista su carta, cm 50x70 ca.

Agenda Eventi Newsletter
immagine Perchè aderire a CSArt immagine
  Perchè CSArt è un portale interamente dedicato al mondo dell’arte per mettere in rete artisti, gallerie ed associazioni culturali, ma anche uno studio professionale, in grado offrire servizi di consulenza qualificata per l'organizzazione e la comunicazione di mostre ed eventi, la costruzione di siti web, la stesura di testi critici e la realizzazione di pubblicazioni e cataloghi.
 
immagine   immagine
« Agosto 2022 »
DoLu MaMe GiVe Sa
 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31
feed RSS Feed RSS »
Archivio »
Se desideri essere periodicamente aggiornato sulle inaugurazioni, le mostre, gli eventi e le novità che riguardano gli artisti, i musei, le fondazioni, le gallerie e le associazioni che fanno parte della rete di CSArt, ma anche conoscere nuovi talenti e realtà culturali, iscriviti al servizio Newsletter di CSArt.it compilando i campi sottostanti. Riceverai una mail di conferma nella tua casella di posta e tramite un link potrai ultimare l'iscrizione.
immagine iscrivimi immagine

Seguici anche su... Condividi
Facebook
Twitter
Instagram
Pinterest
Linkedin
YouTube
CSArt di Chiara Serri, Via Emilia Santo Stefano, 54, 42121 Reggio Emilia, P. Iva 02390340350 - All Rights Reserved   Privacy Policy - Preferenze cookies - site by Antherica srl

Le immagini qui riprodotte sono state fornite a CSArt dagli artisti o dagli organizzatori dell'evento per le esigenze legate all'ufficio stampa. Possono pertanto essere "scaricate" solo al fine di corredare servizi, articoli e segnalazioni inerenti l'iniziativa cui si riferiscono. Qualunque indebito utilizzo è perseguibile ai sensi di legge.