CSArt  
Sei in: Mostre, News & Eventi » Mostra, News & Evento »
Giochi di verità. Rappresentazione, ritratto, documento


Indirizzo
Piazza Fratelli Sassi, 2
Sede
Castello Campori
Citta
Soliera (MO)
A cura di
Marcella Manni
Tipologia
Mostra collettiva



Giochi di verità. Rappresentazione, ritratto, documento
Mostra collettiva - Da Sabato 8 ottobre 2022 a Domenica 15 gennaio 2023 Castello Campori | Soliera (MO)

Vero e falso si contaminano, in una riflessione che disancora l'idea di realtà da quella di verità e spinge verso l'idea di libertà. S'intitola Giochi di verità. Rappresentazione, ritratto, documento la grande mostra promossa dal Comune di Soliera e dalla Fondazione Campori con oltre 80 fotografie provenienti dalla Collezione Donata Pizzi, nata per sostenere e valorizzare le più significative interpreti nel panorama fotografico italiano dalla metà degli anni Sessanta ad oggi. Curata da Marcella Manni, l'esposizione sarà inaugurata sabato 8 ottobre alle ore 18.00 all'interno del Castello Campori di Soliera (Mo), meglio noto come il Castello dell'Arte.

La mostra ripercorre la storia della fotografia italiana, mettendo in luce le evoluzioni concettuali, estetiche e tecnologiche che si sono sviluppate negli ultimi decenni. La centralità del corpo, il rapporto tra memoria privata e collettiva, le dinamiche e i riti della vita familiare, sono elementi costitutivi e identitari che si leggono oltre le singole voci delle artiste e i momenti storici in cui sono vissute o vivono e operano.

«Con Giochi di verità – spiega il sindaco di Soliera Roberto Solomita – proseguiamo un percorso avviato nel 2018, che ha visto il nostro Castello Campori configurarsi come contenitore per mostre di elevato spessore artistico, sia per la qualità delle opere esposte che per l'elaborazione di pensiero che le ha accompagnate. Dopo Intra moenia - Collezioni Cattelani, le fotografie di Un paese ci vuole, la personale di Arnaldo Pomodoro e quella di Mauro Staccioli (queste ultime due esposizioni hanno avuto anche un'estensione ancora ben visibile nel tessuto urbano, e penso all'Obelisco per Cleopatra in piazza Lusvardi e al Portale in via Nenni), proponiamo un coinvolgente percorso dentro la straordinaria Collezione Donata Pizzi. Nessun compiacimento, tuttavia. Il fatto è che siamo convinti che, attraverso vie inattese e mai convenzionali, l'arte sia davvero capace di produrre senso, quantomeno di fornire strumenti di interpretazione della realtà».

«La Collezione Donata Pizzi, anche in virtù dei criteri stringenti che la caratterizzano, offre numerosi spunti di lettura.  Nel considerare gli spazi del Castello dell'Arte e una necessaria selezione di opere e artiste – spiega la curatrice Marcella Manni – ho scelto di affidarmi alle immagini e alle complesse architetture di segni e simboli che ci offrono. Giocando, appunto, con paradigmi che pertengono all'ambito della ricerca teorica sul mezzo fotografico e sui criteri e le presunzioni di verità che il contesto contemporaneo della comunicazione, non solo visiva, ci obbliga ad affrontare. La rappresentazione del corpo è sempre stata usata come strumento per affermazioni identitarie e di genere, il reportage ha conquistato e avuto il ruolo di azione politica e di cittadinanza attiva, la documentazione privata o pubblica di usi, costumi, riti, ha perseguito con determinazione la possibilità di entrare e affrontare, con lo scudo dell'ironia, questioni sociali tra stereotipo di ruoli e emancipazione. La storia degli usi della fotografia in Italia che si deduce dai lavori delle artiste è un efficace e immediato strumento per mettere alla prova l'attualità di istanze e, allo stesso tempo, affrontare il non visto, il nascosto e celato».

«All'inizio della mia carriera – conclude Donata Pizzi – si lavorava realizzando reportage in bianco e nero, l'ambito di indagine della fotografia era quello di ripresa e di registrazione degli eventi. Con il passare del tempo, complici i cambiamenti sociali, politici e anche l'evoluzione tecnologica del mezzo, il linguaggio e gli ambiti di ricerca si sono ampliati per comprendere anche esiti concettuali che anni prima erano impensati. Come questo passaggio è avvenuto è la storia della Collezione».

Donata Pizzi (*1957, vive tra Roma e Milano) fotografa e photo-editor, inizia nel 2013 a collezionare opere di fotografe italiane attive dal 1965 ad oggi. La collezione ha preso avvio da una fotografia di Lisetta Carmi e si è sviluppata fino a comprendere oltre 300 opere di più di 70 fotografe di diverse generazioni. L'obiettivo della collezione è quello di studiare, raccogliere, promuovere e sostenere il lavoro delle fotografe italiane, costruendo un percorso su un doppio asse, cronologico e tematico, attraverso la selezione di opere e autrici tra le più influenti del panorama contemporaneo. La collezione è una delle poche raccolte riservata al lavoro di artiste donne ed è in continua espansione.

L'esposizione, realizzata con il supporto di Regione Emilia Romagna (nell'ambito della Legge regionale 37/94) e Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e il contributo di Esselunga, Le Gallerie Shopping Center, Reinova e Porfirea Srl, è accompagnata da un catalogo edito da Metronom Books e curato da Marcella Manni con un'intervista a Donata Pizzi, la riproduzione fotografica e la schedatura di tutte le opere esposte.

Il progetto rientra nell'attività di monitoraggio del collezionismo privato avviata dall'Amministrazione comunale nel 2018 con la mostra dedicata alle Collezioni Cattelani. Nell'ambito del programma espositivo denominato Castello dell'Arte, sono state inoltre organizzate mostre monografiche dedicate ad Arnaldo Pomodoro e Mauro Staccioli, con la contestuale installazione di opere d'arte monumentali nel centro storico di Soliera, concesse in comodato d'uso gratuito pluriennale dalla Fondazione Arnaldo Pomodoro e dall'Associazione Archivio Mauro Staccioli.

L'esposizione Giochi di verità. Rappresentazione, ritratto, documento è aperta al pubblico il sabato e la domenica con orario 9.30-13.00 e 15.00-19.30. In occasione delle festività, il Castello Campori osserverà i seguenti orari: 1 novembre e 8 dicembre ore 9.30-13.00 e 15.00-19.30, 31 dicembre ore 9.30-13.00, 1 gennaio ore 15.00-19.30, chiuso 24, 25 e 26 dicembre. Ingresso gratuito. Nel corso della mostra, sono in programma diverse visite guidate gratuite (15 ottobre, 30 ottobre, 1 novembre, 12 novembre, 27 novembre, 3 dicembre, 18 dicembre), con partenza alle ore 15.30 e 17.30, per un numero massimo di 15 persone. È consigliata la prenotazione all'indirizzo https://www.eventbrite.it/o/fondazione-campori-30377037132. Per informazioni: T. +39 059 568580, info@fondazionecampori.itwww.fondazionecampori.itwww.solieracastelloarte.it.

Opere di: Paola Agosti, Meris Angioletti, Martina Bacigalupo, Isabella Balena, Liliana Barchiesi, Betty Bee, Mariella Bettineschi, Silvia Bigi, Tomaso Binga, Marcella Campagnano, Silvia Camporesi, Lisetta Carmi, Monica Carocci, Elisabetta Catalano, Francesca Catastini, Daniela Comani, Agnese De Donato, Erminia De Luca, Martina Della Valle, Paola Di Bello, Ra di Martino, Eva Frapiccini, Simona Ghizzoni, Bruna Ginammi, Nicole Gravier, Gruppo del Mercoledì, Adelita Husni-Bey, Giulia Iacolutti, Luisa Lambri, Elisa Magri, Lucia Marcucci, Allegra Martin, Paola Mattioli, Malena Mazza, Libera Mazzoleni, Gabriella Mercadini, Ottonella Mocellin, Verita Monselles, Brigitte Niedermair, Lina Pallotta, Giulia Parlato, Beatrice Pediconi, Francesca Rivetti, Silvia Rosi, Marialba Russo, Marinella Senatore, Shobha, Alessandra Spranzi, Sofia Uslenghi, Francesca Volpi, Alba Zari.

Tags
Donata Pizzi | Marcella Manni | Castello Campori | Soliera
clear
Galleria Fotografica
Shobha, La contessa Anna Pellegrini, 1999, stampa gelatina bromuro d'argento, 40x30 cm. © Shobha. Courtesy Collezione Donata Pizzi
Shobha, La contessa Anna Pellegrini, 1999, stampa gelatina bromuro d'argento, 40x30 cm. © Shobha. Courtesy Collezione Donata Pizzi
immagine immagine
Shobha, La contessa Anna Pellegrini, 1999, stampa gelatina bromuro d'argento, 40x30 cm. © Shobha. Courtesy Collezione Donata Pizzi

Meris Angioletti, A slight ache, 2017, stampa digitale su carta fotografica, 40x33 cm. © Meris Angioletti. Courtesy Collezione Donata Pizzi
Meris Angioletti, A slight ache, 2017, stampa digitale su carta fotografica, 40x33 cm. © Meris Angioletti. Courtesy Collezione Donata Pizzi
immagine immagine
Meris Angioletti, A slight ache, 2017, stampa digitale su carta fotografica, 40x33 cm. © Meris Angioletti. Courtesy Collezione Donata Pizzi

Lisetta Carmi, dalla serie I Travestiti, 1965-1970, stampa ink-jet 2017, 40x30 cm. © Archivio Martini & Ronchetti. Courtesy Lisetta Carmi e Collezione Donata Pizzi
Lisetta Carmi, dalla serie I Travestiti, 1965-1970, stampa ink-jet 2017, 40x30 cm. © Archivio Martini & Ronchetti. Courtesy Lisetta Carmi e Collezione Donata Pizzi
immagine immagine
Lisetta Carmi, dalla serie I Travestiti, 1965-1970, stampa ink-jet 2017, 40x30 cm. © Archivio Martini & Ronchetti. Courtesy Lisetta Carmi e Collezione Donata Pizzi

Nicole Gravier, Buongiorno amore, 1976-1980, dalla serie Mythes et Clichés cibachrome, collage, 30x40 cm. © Nicole Gravier. Courtesy Collezione Donata Pizzi
Nicole Gravier, Buongiorno amore, 1976-1980, dalla serie Mythes et Clichés cibachrome, collage, 30x40 cm. © Nicole Gravier. Courtesy Collezione Donata Pizzi
immagine immagine
Nicole Gravier, Buongiorno amore, 1976-1980, dalla serie Mythes et Clichés cibachrome, collage, 30x40 cm. © Nicole Gravier. Courtesy Collezione Donata Pizzi

Sofia Uslenghi, Homesick #9, 2018, stampa ink-jet, 44,2x33 cm. © Sofia Uslenghi. Courtesy Collezione Donata Pizzi
Sofia Uslenghi, Homesick #9, 2018, stampa ink-jet, 44,2x33 cm. © Sofia Uslenghi. Courtesy Collezione Donata Pizzi
immagine immagine
Sofia Uslenghi, Homesick #9, 2018, stampa ink-jet, 44,2x33 cm. © Sofia Uslenghi. Courtesy Collezione Donata Pizzi

Agenda Eventi Newsletter
immagine Perchè aderire a CSArt immagine
  Perchè CSArt è un portale interamente dedicato al mondo dell’arte per mettere in rete artisti, gallerie ed associazioni culturali, ma anche uno studio professionale, in grado offrire servizi di consulenza qualificata per l'organizzazione e la comunicazione di mostre ed eventi, la costruzione di siti web, la stesura di testi critici e la realizzazione di pubblicazioni e cataloghi.
 
immagine   immagine
« Novembre 2022 »
DoLu MaMe GiVe Sa
  1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30
feed RSS Feed RSS »
Archivio »
Se desideri essere periodicamente aggiornato sulle inaugurazioni, le mostre, gli eventi e le novità che riguardano gli artisti, i musei, le fondazioni, le gallerie e le associazioni che fanno parte della rete di CSArt, ma anche conoscere nuovi talenti e realtà culturali, iscriviti al servizio Newsletter di CSArt.it compilando i campi sottostanti. Riceverai una mail di conferma nella tua casella di posta e tramite un link potrai ultimare l'iscrizione.
immagine iscrivimi immagine

Seguici anche su... Condividi
Facebook
Twitter
Instagram
Pinterest
Linkedin
YouTube
CSArt di Chiara Serri, Via Emilia Santo Stefano, 54, 42121 Reggio Emilia, P. Iva 02390340350 - All Rights Reserved   Privacy Policy - Preferenze cookies - site by Antherica srl

Le immagini qui riprodotte sono state fornite a CSArt dagli artisti o dagli organizzatori dell'evento per le esigenze legate all'ufficio stampa. Possono pertanto essere "scaricate" solo al fine di corredare servizi, articoli e segnalazioni inerenti l'iniziativa cui si riferiscono. Qualunque indebito utilizzo è perseguibile ai sensi di legge.