CSArt  
Sei in: Mostre, News & Eventi » Scheda della Galleria/Associazione »
festivalfilosofia


Indirizzo
Viale Vittorio Veneto
Modena
Sede
Musei Civici

commenta
commenta




indietro »
festivalfilosofia
Da Venerdi 14 settembre 2012 a Domenica 16 settembre 2012 | Musei Civici | Fondazione Museo Ettore Guatelli | Modena

Si terrà da venerdì 14 a domenica 16 settembre l'edizione 2012 del festivalfilosofia di Modena. Modena, Carpi e Sassuolo ospiteranno duecento appuntamenti fra lezioni magistrali, mostre, concerti, spettacoli e cene filosofiche all'insegna di "Cose", forse il programma più ricco di tutte le edizioni svoltesi finora.

Il tema lanciato per la dodicesima edizione è un invito a riflettere sulle "cose" quali terreno per eccellenza della domanda filosofica (meravigliata che qualcosa ci sia e alla ricerca di "cosa" sia), ma anche quale luogo materiale e teorico dove si offrono alla comprensione le trasformazioni più caratteristiche della contemporaneità.

Il programma di lezioni magistrali porterà nelle piazze e nei cortili delle tre città celebri maestri del pensiero, che si confronteranno con il pubblico sulle varie declinazioni contemporanee del tema delle "cose", misurandosi, tra le altre, con la questione della "cosa stessa", lo statuto della produzione e i suoi processi, le implicazioni del consumo, il carattere di feticcio assunto dalle "cose", nonché le passioni che esse suscitano.

L'edizione di quest'anno vedrà la straordinaria partecipazione della Fondazione Museo Guatelli, in collaborazione con il dida dei Civici Musei di Modena, nell'ambito del laboratorio creativo "Da cosa nasce cosa" e attraverso l'installazione "L'altra vita delle cose".

Una partecipazione che trova nelle parole delle cose e nelle cose come parole, il senso dell'impresa espositiva, museale e collezionistica di Ettore Guatelli, esplicitato nel Museo di Ozzano Taro (PR). Il mondo degli oggetti presenti, obsoleti, recuperati, rifunzionalizzati, misteriosi, ingegnosi, provocatori, riciclati, misteriosi, ovvi, migranti, ludici, operativi, provocatori, ecc. sono stati per Guatelli l'insieme di termini utili per la costruzione di un linguaggio basato sulla sostanza umana delle cose. Il senso dell'"ascolto" delle cose raccolte, immagazzinate ed esposte è, per Ettore, nella loro capacità di narrare biografie, fatti salienti di vita, storie d'esistenza, attraverso il linguaggio stesso della loro partecipazione alla quotidianità.

In tal senso il Museo Ettore Guatelli è un museo d'antropologia e la sua partecipazione al festivalfilosofia trae le sue ragioni da questa sua sostanza.  Ma il senso della presenza del Guatelli nelle giornate di Modena non sta solo nella partecipazione della sua vicenda e del suo progetto alle complessità del tema "cose", ma innanzitutto nella sua proposta di fare delle "cose'' ponti per offrire una visione sul mondo degli oggetti quale spazio di relazione e di dialogo, di narrazione e di ascolto, di collaborazione e di saper fare.

Una concretezza degli oggetti e delle cose, che vedrà nell'installazione "L'altra vita delle cose", il realizzarsi di un'opera collettiva attraverso l'utilizzo di oggetti del quotidiano di tutti coloro che vorranno essere tra i protagonisti di quest'iniziativa.

Da qui, l'invito rivolto al pubblico a contribuire all'installazione attraverso la scelta e la disposizione di oggetti, memorie, pensieri... che, in occasione delle giornate del festival, diventeranno parte dell'opera allestita all'ingresso dei Musei Civici di Modena, su viale Vittorio Veneto. Un progetto in divenire alla ricerca di armonia tra memoria, parole e cose, com'è nello spirito del Guatelli. "Le cose che più amiamo e godiamo sono quelle che più riusciamo a far amare e godere", diceva. "Salvo restando che anche cose basilari, scorbutiche, van fatte capire, van messe in modo che siano percepite di più. È l'atmosfera secondo me che predispone". Ad ottobre, l'installazione troverà la sua collocazione ed il suo proseguo di vita presso la sede del Museo Guatelli ad Ozzano Taro.

"Da cosa nasce cosa" è il titolo invece della proposta didattica rivolta a ragazzi e famiglie che il dida, laboratorio didattico del Civici Musei di Modena, in collaborazione con la Fondazione Museo Ettore Guatelli, proporrà nell'ambito del Festival della Filosofia sabato 15 e domenica 16 settembre, dalle 10.00 alle 19.00, presso il Palazzo dei Musei di Modena.

Costruire un giocattolo, un oggetto o dare un altro uso a qualcosa che già esiste è un modo per osservare e interpretare il mondo che abbiamo davanti, per vederlo attraverso prospettive sempre nuove, che lasciano spazio alla fantasia, all'arte, alla creatività di ognuno di noi e anche alla memoria.

Così gli oggetti e le cose realizzate con assemblaggi di materiali semplici e di scarto come frammenti di legno, scatoline, tessuti, sugheri, pur nella loro semplicità, ritrovano la loro utilità e riescono a dare vita a oggetti dalle forme inaspettate, che ci raccontano la loro storia e un pezzetto della nostra.

Grazie alla collaborazione dell'Associazione degli Amici di Ettore Guatelli e del Museo e degli operatori didattici del dida, il laboratorio offrirà l'opportunità, a tutti coloro che ne vorranno approfittare, di creare un oggetto, di dare vita alla propria "cosa" attraverso l'utilizzo di diversi materiali di recupero.

Sempre in occasione del festival, gli spazi del dida rievocheranno inoltre le straordinarie atmosfere del Museo Guatelli, ospitando pezzi, immagini e video provenienti dalla collezione del Museo di Ozzano Taro. 

La partecipazione è libera e gratuita.
Per informazioni: tel. 0521 333601 - info@museoguatelli.it.


Tags
Ozzano Taro | Museo Guatelli | Festival filosofia | Modena
clear
Galleria Fotografica
Stanza dei vetri, particolare, Museo Guatelli, Ozzano T. di Collecchio (PR), ph Mauro Davoli
Stanza dei vetri, particolare, Museo Guatelli, Ozzano T. di Collecchio (PR), ph Mauro Davoli
immagine immagine
Stanza dei vetri, particolare, Museo Guatelli, Ozzano T. di Collecchio (PR), ph Mauro Davoli

Scala di accesso al Museo, Museo Guatelli, Ozzano T. di Collecchio (PR), ph Mauro Davoli
Scala di accesso al Museo, Museo Guatelli, Ozzano T. di Collecchio (PR), ph Mauro Davoli
immagine immagine
Scala di accesso al Museo, Museo Guatelli, Ozzano T. di Collecchio (PR), ph Mauro Davoli

Stanza dei giochi, Museo Guatelli, Ozzano T. di Collecchio (PR), ph Mauro Davoli
Stanza dei giochi, Museo Guatelli, Ozzano T. di Collecchio (PR), ph Mauro Davoli
immagine immagine
Stanza dei giochi, Museo Guatelli, Ozzano T. di Collecchio (PR), ph Mauro Davoli

clear
Commenti
Nessun commento [commenta ora]
clear
Agenda Eventi Newsletter
immagine PerchŔ aderire a CSArt immagine
  PerchŔ CSArt Ŕ un portale interamente dedicato al mondo dellĺarte per mettere in rete artisti, gallerie ed associazioni culturali, ma anche uno studio professionale, in grado offrire servizi di consulenza qualificata per l'organizzazione e la comunicazione di mostre ed eventi, la costruzione di siti web, la stesura di testi critici e la realizzazione di pubblicazioni e cataloghi.
 
immagine   immagine
« Novembre 2022 »
DoLu MaMe GiVe Sa
  1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30
feed RSS Feed RSS »
Archivio ╗
Se desideri essere periodicamente aggiornato sulle inaugurazioni, le mostre, gli eventi e le novitÓ che riguardano gli artisti, i musei, le fondazioni, le gallerie e le associazioni che fanno parte della rete di CSArt, ma anche conoscere nuovi talenti e realtÓ culturali, iscriviti al servizio Newsletter di CSArt.it compilando i campi sottostanti. Riceverai una mail di conferma nella tua casella di posta e tramite un link potrai ultimare l'iscrizione.
immagine iscrivimi immagine

Seguici anche su... Condividi
Facebook
Twitter
Instagram
Pinterest
Linkedin
YouTube
CSArt di Chiara Serri, Via Emilia Santo Stefano, 54, 42121 Reggio Emilia, P. Iva 02390340350 - All Rights Reserved   Privacy Policy - Preferenze cookies - site by Antherica srl

Le immagini qui riprodotte sono state fornite a CSArt dagli artisti o dagli organizzatori dell'evento per le esigenze legate all'ufficio stampa. Possono pertanto essere "scaricate" solo al fine di corredare servizi, articoli e segnalazioni inerenti l'iniziativa cui si riferiscono. Qualunque indebito utilizzo Ŕ perseguibile ai sensi di legge.