CSArt  
Sei in: Approfondimenti »
 Gino Severini, Suburban Train Arriving in Paris, 1915, olio su tela, cm 115,6 x 88,6
Giovedi 3 marzo 2016 | Tate Modern Museum, un meraviglioso luogo in cui perdersi...
Se ami l'arte e ti trovi a Londra, non puoi non andare alla Tate Modern! Articolo di Federica Pignata.


Tempio dell’arte moderna e contemporanea, ex centrale termoelettrica di Bankside, la Tate Modern si erge in tutta la sua maestosa grandezza sulla riva meridionale del Tamigi.

La collezione permanente, disposta ai livelli 3 e 5 dell’edificio, è organizzata prevalentemente per aree tematiche e non in ordine cronologico (Material gestures, Poetry and dream, Idea and object e State of flux), allo scopo di favorire una maggiore comprensione delle opere d’arte, rivelando analogie e collegamenti tra ricerche apparentemente lontane.

In totale le opere esposte sono più di 60.000 e fra esse spiccano anche lavori di grandi artisti italiani, tra cui Achrome (1958) di Piero Manzoni, descritta dallo stesso artista come «un’unica, continua ed ininterrotta superficie, in cui non trovano spazio né il superfluo, né ogni possibilità interpretativa»; Soffio 5 (1978) di Giuseppe Penone, scultura fatta di argilla, modellata nella forma immaginata di un soffio d’aria, espirato dalla bocca dello stesso artista; Bronzo patinato nero e seta naturale (Piede) (1968-71) di Luciano Fabbro, combinazione di materiali tradizionali (bronzo e seta) e contemporanei (perspex e acciaio) che riflette la contrapposizione fra tradizione e modernità; Untitled (Living Sculpture) (1966) di Marisa Merz, scultura sospesa in alluminio, creata per sfidare lo status elitario dell’arte; Forme uniche della continuità nello spazio (1913) di Umberto Boccioni, figura aerodinamicamente deformata dalla velocità a rappresentare la spinta verso il progresso (un’opera analoga è presente al Museo del Novecento di Milano e, per i più sedentari, sulle monete da 20 centesimi) e, infine, Suburban Train Arriving in Paris (1915) di Gino Severini, la cui creazione è stata ispirata dalla vista di treni, carichi di munizioni, soldati o feriti, che passavano giorno e notte sui binari della Parigi del 1915.

Nonostante le accuse mosse da alcuni critici d’arte sulla presenza all’interno della galleria di collezioni frammentarie e incomplete, il crescente numero di visitatori (oltre 5 milioni all’anno) pone la Tate Modern tra i luoghi da visitare assolutamente a Londra.

(Federica Pignata)



Tags
Tate Modern | Piero Manzoni | Giuseppe Penone | Luciano Fabbro | Marisa Merz | Umberto Boccioni | Gino Severini | Londra

Archivio Galleria Fotografica
clear
Galleria Fotografica
 Gino Severini, Suburban Train Arriving in Paris, 1915, olio su tela, cm 115,6 x 88,6
Gino Severini, Suburban Train Arriving in Paris, 1915, olio su tela, cm 115,6 x 88,6
immagine immagine
Gino Severini, Suburban Train Arriving in Paris, 1915, olio su tela, cm 115,6 x 88,6

Giuseppe Penone, Soffio 5, 1978, argilla, cm 154x83x84
Giuseppe Penone, Soffio 5, 1978, argilla, cm 154x83x84
immagine immagine
Giuseppe Penone, Soffio 5, 1978, argilla, cm 154x83x84

Umberto Boccioni, Unique Forms of Continuity in Space, 1913 cast 1972, bronzo, cm 117,5x87,6x36,8
Umberto Boccioni, Unique Forms of Continuity in Space, 1913 cast 1972, bronzo, cm 117,5x87,6x36,8
immagine immagine
Umberto Boccioni, Unique Forms of Continuity in Space, 1913 cast 1972, bronzo, cm 117,5x87,6x36,8

Luciano Fabro, Bronzo patinato nero e seta naturale (Piede), 1968-71, bronzo, seta, perspex e acciaio, cm 336x170x160
Luciano Fabro, Bronzo patinato nero e seta naturale (Piede), 1968-71, bronzo, seta, perspex e acciaio, cm 336x170x160
immagine immagine
Luciano Fabro, Bronzo patinato nero e seta naturale (Piede), 1968-71, bronzo, seta, perspex e acciaio, cm 336x170x160

Marisa Merz, Untitled (Living Sculpture), 1966, alluminio, dimensioni variabili
Marisa Merz, Untitled (Living Sculpture), 1966, alluminio, dimensioni variabili
immagine immagine
Marisa Merz, Untitled (Living Sculpture), 1966, alluminio, dimensioni variabili

Piero Manzoni, Achrome, 1958, caolino su tela, cm 100,3x100,3
Piero Manzoni, Achrome, 1958, caolino su tela, cm 100,3x100,3
immagine immagine
Piero Manzoni, Achrome, 1958, caolino su tela, cm 100,3x100,3

Agenda Eventi Newsletter
immagine Perchè aderire a CSArt immagine
  Perchè CSArt è un portale interamente dedicato al mondo dell’arte per mettere in rete artisti, gallerie ed associazioni culturali, ma anche uno studio professionale, in grado offrire servizi di consulenza qualificata per l'organizzazione e la comunicazione di mostre ed eventi, la costruzione di siti web, la stesura di testi critici e la realizzazione di pubblicazioni e cataloghi.
 
immagine   immagine
« Aprile 2019 »
DoLu MaMe GiVe Sa
 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30
feed RSS Feed RSS »
Archivio »
Se desideri essere informato sulle inaugurazioni e gli eventi che riguardano gli artisti, le gallerie e le associazioni che fanno parte della rete di CSArt, ma anche conoscere nuovi talenti e realtà culturali, iscriviti al servizio Newsletter di CSArt.it e sarai periodicamente aggiornato.
immagine iscrivimi immagine

Seguici anche su... Condividi
Facebook
Twitter
Instagram
Pinterest
Linkedin
YouTube
CSArt di Chiara Serri, Via Emilia Santo Stefano, 54, 42121 Reggio Emilia, P. Iva 02390340350 - All Rights Reserved   Privacy Policy -  site by Antherica srl

Le immagini qui riprodotte sono state fornite a CSArt dagli artisti o dagli organizzatori dell'evento per le esigenze legate all'ufficio stampa. Possono pertanto essere "scaricate" solo al fine di corredare servizi, articoli e segnalazioni inerenti l'iniziativa cui si riferiscono. Qualunque indebito utilizzo è perseguibile ai sensi di legge.


Il sito web di CSArt non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto