CSArt  
Sei in: Approfondimenti »
Maria Lai, courtesy www.stazionedellarte.it
Martedi 16 aprile 2013 | Maria Lai: l'arte è gesto, sguardo, respiro
Omaggio a Maria Lai, una delle più importanti artiste del Novecento, scomparsa il 16 aprile all'età di 93 anni. Articolo di Rossella Porcheddu.

Stretto tra le montagne, Ulassai l’ha vista nascere, partire e tornare. Aperto verso il mare, Cardedu, ha accolto i suoi disegni di bambina, la sua vita da adulta, e l’ha vista spegnersi, il 16 aprile 2013, all’età di 93 anni. Il cammino di Maria Lai inizia in Ogliastra, continua a Roma, passa per Venezia, si espande dall’isola alla penisola, dall’Europa agli Stati Uniti, luoghi che hanno accolto tele di stoffa e bambini di terracotta, installazioni di legno e d’acciaio, interventi site-specific e scenografie. Per un’arte che supera la dimensione locale e si fa universale, forte del legame con la terra d’origine, erede e custode, negli spazi della Stazione dell'Arte, del pensiero e della materia, dei giochi e della ricerca. «Giocavo con grande serietà e a un certo punto qualcuno i miei giochi li ha chiamati arte» amava dire l’artista sarda, legando saldamente dimensione ludica e rigore costruttivo. Una storia di viaggi e di incontri, dall’amicizia con il poeta Salvatore Cambosu, che iniziandola allo studio della metrica le insegna a seguire il ritmo, agli studi romani con Marino Mazzacurati, al rapporto difficile con lo scultore Arturo Martini, che all’Accademia di Venezia la spinge a rifiutare la forma piena, a suggerire respiri. Un bisogno di scavare, attingere alla tradizione e alla memoria, raccontare il legame tra individuo e comunità, tirare linee oblique, proiettare l’attenzione oltre lo spazio, alludere all’infinito, all’universo. Un’urgenza di dialogare con il proprio tempo, ridefinire l’arte contemporanea. Aprire uno spiraglio alla coscienza, aspirare alla contemplazione, al silenzio. Molte le domande, tanti i dubbi, molteplici le strade percorse. Dalle forma chiusa allo sconfinamento nell’ambiente, tra scarpate e grandi pareti, dai libri alle tele cucite, dalle installazioni alle performance collettive. Da “I luoghi comuni a portata di mano”, mazzi di carte bianchi e neri, codice di lettura, stimolo alla riflessione, a “Invito a tavola”, metafora dell’arte come nutrimento per la mente. E ancora fate di stoffa, alberi d’ulivo e di parole, grovigli di fili e leggende. Opere offerte come cibo da assimilare, opere che scuotono la società e destano dal torpore l’uomo contemporaneo, quello che passa distratto nelle sale dei musei, incapace di far scorrere lo sguardo, di comprendere, digerire, rivivere. Impossibile, nel ricordare Maria Lai, non ritornare a quel 1981 che ha visto la comunità di Ulassai coinvolta in un’azione corale, “Legarsi alla montagna”, ispirata a una fiaba antica: una bambina, recatasi sulla montagna per portare cibo ai pastori, rinchiusi in una grotta a causa del temporale, si salva dalla morte inseguendo un nastro azzurro, mentre il solido rifugio seppellisce i pavidi compaesani. Ventisei chilometri di tessuto di jeans hanno stretto le case fra loro e legato l’intero paese alla montagna, per chiedere pace. Chi si mette al riparo, sordo ai richiami esterni, si preclude vie di fuga e di conoscenza. Stimolo a uscire dalla propria quotidianità, il nastro è simbolo dell’arte che può rendere gli uomini liberi [Rossella Porcheddu].


Tags
Maria Lai | Stazione dell'Arte | Ulassai

Archivio Galleria Fotografica Links
clear
Galleria Fotografica
Maria Lai, courtesy www.stazionedellarte.it
Maria Lai, courtesy www.stazionedellarte.it
immagine immagine
Maria Lai, courtesy www.stazionedellarte.it

Maria Lai, Legarsi alla montagna
Maria Lai, Legarsi alla montagna
immagine immagine
Maria Lai, Legarsi alla montagna

Maria Lai, Libro cucito
Maria Lai, Libro cucito
immagine immagine
Maria Lai, Libro cucito

clear
Links
Stazione dell'Arte
Agenda Eventi Newsletter
immagine Perchè aderire a CSArt immagine
  Perchè CSArt è un portale interamente dedicato al mondo dell’arte per mettere in rete artisti, gallerie ed associazioni culturali, ma anche uno studio professionale, in grado offrire servizi di consulenza qualificata per l'organizzazione e la comunicazione di mostre ed eventi, la costruzione di siti web, la stesura di testi critici e la realizzazione di pubblicazioni e cataloghi.
 
immagine   immagine
« Ottobre 2019 »
DoLu MaMe GiVe Sa
  1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31
feed RSS Feed RSS »
Archivio »
Se desideri essere informato sulle inaugurazioni e gli eventi che riguardano gli artisti, le gallerie e le associazioni che fanno parte della rete di CSArt, ma anche conoscere nuovi talenti e realtà culturali, iscriviti al servizio Newsletter di CSArt.it e sarai periodicamente aggiornato.
immagine iscrivimi immagine

Seguici anche su... Condividi
Facebook
Twitter
Instagram
Pinterest
Linkedin
YouTube
CSArt di Chiara Serri, Via Emilia Santo Stefano, 54, 42121 Reggio Emilia, P. Iva 02390340350 - All Rights Reserved   Privacy Policy -  site by Antherica srl

Le immagini qui riprodotte sono state fornite a CSArt dagli artisti o dagli organizzatori dell'evento per le esigenze legate all'ufficio stampa. Possono pertanto essere "scaricate" solo al fine di corredare servizi, articoli e segnalazioni inerenti l'iniziativa cui si riferiscono. Qualunque indebito utilizzo è perseguibile ai sensi di legge.


Il sito web di CSArt non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto