CSArt  
Sei in: Mostre, News & Eventi » Mostra, News & Evento »
Nel paesaggio il vuoto - Arcangelo e Anton Zoran Mušič


Indirizzo
Via dell'Aquila, 6c/6d
Sede
VV8artecontemporanea
Citta
Reggio Emilia
Tipologia
Mostra collettiva

commenta
commenta

Vota: rating rating rating rating rating (voti:5) [+]


Nel paesaggio il vuoto - Arcangelo e Anton Zoran Mušič
Mostra collettiva - Da Sabato 5 ottobre 2019 a Domenica 17 novembre 2019 | VV8artecontemporanea | Reggio Emilia

La Galleria VV8artecontemporanea di Reggio Emilia presenta, dal 6 ottobre al 17 novembre 2019, “Nel paesaggio il vuoto”: opere di Arcangelo e Anton Zoran Mušič. Realizzata in collaborazione con Lorenzelli Arte Milano, l’esposizione sarà inaugurata sabato 5 ottobre alle ore 18.00.

All’interno dello spazio, i due artisti dialogano metaforicamente attraverso la loro arte, un’arte che parla della loro terra e del sentimento di appartenenza a essa, un’arte colma di storia personale e delle vicende storiche avvenute nei luoghi da essi vissuti.

L’esposizione propone dipinti e disegni su carta in un percorso pregno di effluvi terrestri e di quel petricore che resta attaccato addosso, la cui presenza è intensa in ogni opera. Lo spazio si riempie di geosmina, dell’odore di quella terra calpestata e vissuta dai due artisti ora privatamente, ora nel suo aspetto più collettivo, con richiami e rimandi al background storico, culturale e sociale.

Le opere di Mušič risalgono agli anni ’60, periodo cronologicamente centrale della sua carriera artistica. Le tele, così come i disegni, oscillano tra i toni scuri della terra bruciata e le chiare evanescenze, sfumature impressionistiche, rappresentazioni atmosferiche che emanano il profumo della desolazione: il paesaggio, sia quello rappresentato, sia quello reale, si fa specchio della solitudine che pervade l’artista ma che è condizione comune ad ogni uomo. È un paesaggio introspettivo, intriso di un sentimento privato eppure comune, ma vissuto da ogni testimone in maniera del tutto personale: la guerra, il dramma dell’olocausto, hanno segnato indelebilmente l’artista che non può divincolarsi dal terribile ricordo del campo di concentramento e della morte. Scrive Kosme De Barañano: «L’opera di Mušič è una successione di singoli dipinti che formano una galleria dell’emarginazione, quella degli uomini privati della loro identità, e una sequenza di immagini raffiguranti un territorio consumato dal vento o dal semplice scorrere del tempo. […] Registra, come un notaio, ciò che il tempo scolpisce giorno dopo giorno. […] La rappresentazione è un dialogo basato su una finzione: la pretesa del realismo figurativo di restituire il “tempo reale”. […] quella di Mušič è una riflessione visiva sulla figura sfigurata, non soltanto convertita in ombra espressiva, ma soprattutto erosa, in fuga da se stessa».

Arcangelo ci racconta lo stretto rapporto con la sua regione d’origine, il meridione italico, con i suoi misteri, i suoi rituali, il suo popolo. I cicli presenti in mostra, Tappeti Persiani (1999) e Sanniti (2003-2004), diventano il pretesto con cui l’artista, attraverso le immagini, può parlare dell’appartenenza al territorio. La terra è qui narrata non tramite la rappresentazione del paesaggio, ma con una sorta di simbologia o scrittura, fatta di segni, poiché la natura è da intendersi come madre generatrice, sfondo di vicende storiche, sempre presente ma coprotagonista. La gestualità con cui l’artista dipinge, conferisce alle opere una potenza primordiale e istintuale, il gesto arricchisce di movimento. Le forme non hanno valore in sé ma forza evocativa: sono archetipi che rispecchiano l’anima della terra, oggetti universalmente validi ad esprimere in senso generale la cultura, la religione, i misteri e le credenze pagane che sono diverse e identiche alle più ancestrali comunità di tutto il mondo. Come nelle opere di Mušič, anche in quelle di Arcangelo lo spazio e il tempo sono sospesi; gli elementi, gli oggetti, sono sempre in primo piano ma in uno spazio privo di profondità. La pittura è introspettiva e allo stesso tempo a contatto con la quotidianità. Il colore rispecchia l’emotività, la gamma cromatica è ristretta a tonalità calde con rimandi alla terra. Ciò di cui Arcangelo ci parla, sono culture diverse ma che camminano parallelamente. Scrive Ivan Quaroni: «…le prime tele dei Sanniti resuscitano l’idea di una classicità italica cruda e barbarica, ma rimescolata con reminiscenze della cultura cristiana e pagana popolare, sempre all’insegna di una re-interpretazione moderna delle radici del proprio patrimonio mnemonico. Per Arcangelo la storia non è un serbatoio cronologicamente ripartito, scientemente ordinato, ma un accumulo di sovrapposizioni in cui simboli e segni di età diverse convivono fianco a fianco, come elementi di un unico e vitale substrato culturale».

L’esposizione sarà visitabile fino al 17 novembre 2019, da martedì a sabato ore 10.00-13.00 e 16.30-19.30, oppure su appuntamento. Per informazioni: tel. 0522 432103, www.vv8artecontemporanea.it.

Tags
VV8artecontemporanea | Arcangelo | Anton Zoran Mušič | Lorenzelli Arte
clear
Galleria Fotografica
Invito fronte
Invito fronte
immagine immagine
Invito fronte

Invito retro
Invito retro
immagine immagine
Invito retro

Arcangelo, Tappeti persiani e anfore, 2000, tecnica mista, cm. 100x89
Arcangelo, Tappeti persiani e anfore, 2000, tecnica mista, cm. 100x89
immagine immagine
Arcangelo, Tappeti persiani e anfore, 2000, tecnica mista, cm. 100x89

Anton Zoran Mušič
Anton Zoran Mušič, Nel paesaggio il vuoto n. 41, 1959, cm 52x62
immagine immagine
Anton Zoran Mušič, Nel paesaggio il vuoto n. 41, 1959, cm 52x62

Anton Zoran Mušič
Anton Zoran Mušič, Nel paesaggio il vuoto n. 44, 1960, cm 50x65
immagine immagine
Anton Zoran Mušič, Nel paesaggio il vuoto n. 44, 1960, cm 50x65

clear
Commenti
Nessun commento [commenta ora]
clear
Agenda Eventi Newsletter
immagine Perchè aderire a CSArt immagine
  Perchè CSArt è un portale interamente dedicato al mondo dell’arte per mettere in rete artisti, gallerie ed associazioni culturali, ma anche uno studio professionale, in grado offrire servizi di consulenza qualificata per l'organizzazione e la comunicazione di mostre ed eventi, la costruzione di siti web, la stesura di testi critici e la realizzazione di pubblicazioni e cataloghi.
 
immagine   immagine
« Ottobre 2019 »
DoLu MaMe GiVe Sa
  1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31
feed RSS Feed RSS »
Archivio »
Se desideri essere informato sulle inaugurazioni e gli eventi che riguardano gli artisti, le gallerie e le associazioni che fanno parte della rete di CSArt, ma anche conoscere nuovi talenti e realtà culturali, iscriviti al servizio Newsletter di CSArt.it e sarai periodicamente aggiornato.
immagine iscrivimi immagine

Seguici anche su... Condividi
Facebook
Twitter
Instagram
Pinterest
Linkedin
YouTube
CSArt di Chiara Serri, Via Emilia Santo Stefano, 54, 42121 Reggio Emilia, P. Iva 02390340350 - All Rights Reserved   Privacy Policy -  site by Antherica srl

Le immagini qui riprodotte sono state fornite a CSArt dagli artisti o dagli organizzatori dell'evento per le esigenze legate all'ufficio stampa. Possono pertanto essere "scaricate" solo al fine di corredare servizi, articoli e segnalazioni inerenti l'iniziativa cui si riferiscono. Qualunque indebito utilizzo è perseguibile ai sensi di legge.


Il sito web di CSArt non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto