Fosco Grisendi CSArt
Sei in: CSArt » Artisti » Sito personale dell'Artista » FoscoGrisendi  » Testi critici & Interviste
Il vero ruolo
Rossella Iorio

L'immaginario presentato da Fosco Grisendi sembra essere direttamente estrapolato da un romanzo ballardiano, dove i salti spaziali, temporali e concettuali concorrono alla definizione di un mondo ai limiti della comprensibilità, frammentato da eccessi di violenza.
Ogni inquadratura è resa nella sua essenzialità, come simbolo di una personale idea sul reale, dove la verità deve ancora trovare collocazione. Ogni immagine come ipotesi da verificarsi e in cui la serialità gioca un ruolo fondamentale. Le due grandi tele dominate dalla pervasività di campiture di colore definite dal bianco e dai toni freddi, si impongono all'interno del discorso come delle affermazioni assolute e spettacolari: dei corpi stremati, un ring, una performance come messa in scena di atti violenti e gratuiti. I disegni a matita su carta, invece, senza utilizzare i paradossi della visività si inseriscono all'interno di quel discorso apparentemente autoconcluso, in forma di dubbi e domande. La relazione visiva fra la prima scena (Stand your ground #7) e la sua matrice (Disegno #7), ci rivela immediatamente una distorsione: l'eclissi della verità della matrice, in cui la presenza di un altro corpo, dell'arbitro, del possibile testimone viene fatto sparire nella riproduzione pubblica, eclatante, visibile e colorata dell'atleta/performer appoggiato alle corde del ring.
Postulato il dubbio Fosco Grisendi porta avanti fino in fondo la sua dimostrazione, che intende applicarsi matematicamente a qualcosa che non lo è. E così i corpi rappresentati diventano oggetto di osservazione ravvicinata e totalizzante. Postazioni privilegiate di testimonianza che vengono anche private della loro cornice di protezione. Il ring, simbolo di una realtà comprensibile solo perché racchiusa e rinchiusa entro confini ben definiti, sparisce. Il fondo dei disegni si libera e ci libera da ogni definizione: le scene di violenza potrebbero essere documentazione di fatti veramente accaduti o che potrebbero già appartenere alla riserva visiva delle nostre quotidianità. Il meccanismo che sottende alla comprensione della serie Stand your ground si fa sempre più sottile: un lavoro esclusivo sul dubbio, sul suo utilizzo e sulle possibilità reali (o meno) di accedere alla verità come presenza inviolabile, non manipolabile, univoca.
L'azione per immagini di Fosco Grisendi non è di facile accesso. L'apparente assurdità del significante scelto procede in parallelo alla difficoltà di comprenderne il significato. Davvero l'umanità spettacolare e strampalata del wrestling può innalzarsi a simbolo di significati universali?
La serie di immagini procede ancora nella sua dimostrazione visiva e supera un altro ostacolo.
E lo fa approfondendo proprio la conoscenza dell'elemento surreale. Il mondo del wrestling viene studiato attraverso sessioni di disegno dal vivo. Viene conosciuto attraverso la relazione con chi pratica quel discorso performativo; il wrestling viene quindi accettato nella sua totalità ed è grazie a questa accettazione che riesce a diventare strumento di significazione.
La messa in scena della violenza si trasforma talvolta in tragedia, rompendo quindi quel limite invalicabile, realizzando un cortocircuito, un “autodisastro concettuale”.
La sofferenza chiaramente recitata ma estrema (Stand your ground #11), perde la sua evidenza di finzione (Disegno #13, Disegno #14, Disegno #16, Disegno #24) senza la relazione con il contesto di riferimento. L'uomo-fantoccio (Disegno #21) che penzola sulle corde agisce, nel suo essere falso e senza vita propria, come elemento veridittivo, nel confronto con i corpi reattivi nel combattimento. Che ci voglia essere una pausa, una possibilità di comprendere il dentro e il fuori della situazione è dato dal comparire della cornice, ovvero del ring, per un istante, per dare un possibile aggancio, al quel discorso di aggressività e sofferenza senza scenario. Ne permette una possibile organizzazione logica e cognitiva.
Ma spesso la concettualizzazione di un avvenimento si risolve nella sua accettazione o addirittura  normalizzazione. È questo l'allarme che la serie di opere sembra lanciarci, la presenza di un meccanismo perverso che determina la nostra realtà, con la stessa forza di una legge assurda.
È questa quindi l'operazione dell'artista: mettere in relazione delle distanze apparentemente incolmabili, degli avvenimenti, per scoprirne la comunione di funzionamento.
“Il fatto che un evento si sia verificato, non è una prova valida di quell'avvenimento”. Questo è tutto ciò che possiamo dire sulla lunga serie di morti provocate dalla Stand your ground law, così come quelle assurde di Cucchi, Aldrovandi, Uva (e altre); così come della spettacolarità del wrestling.
Ed è in questo senso che questo sport può diventare simbolo delle violenze insabbiate, performate senza consapevolezza da corpi che hanno subito il dominio di verità sempre molteplici e giustificate, il dominio di un potere coercitivo che conosce solo il linguaggio-fantoccio della propria realtà macchinica e non la legge, questa si universale, del rispetto della vita.

Testo scritto da Rossella Iorio in occasione della mostra di Fosco Grisendi Stand your ground (Spazio Inangolo, Penne, Pescara, 2015).


indietro »
clear
Agenda Eventi Newsletter
immagine Perchè aderire a CSArt immagine
  Perchè CSArt è un portale interamente dedicato al mondo dell’arte per mettere in rete artisti, gallerie ed associazioni culturali, ma anche uno studio professionale, in grado offrire servizi di consulenza qualificata per l'organizzazione e la comunicazione di mostre ed eventi, la costruzione di siti web, la stesura di testi critici e la realizzazione di pubblicazioni e cataloghi.
 
immagine   immagine
« Ottobre 2020 »
DoLu MaMe GiVe Sa
    1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
feed RSS Feed RSS »
Archivio »
Se desideri essere informato sulle inaugurazioni e gli eventi che riguardano gli artisti, le gallerie e le associazioni che fanno parte della rete di CSArt, ma anche conoscere nuovi talenti e realtà culturali, iscriviti al servizio Newsletter di CSArt.it e sarai periodicamente aggiornato.
immagine iscrivimi immagine

Seguici anche su... Condividi
Facebook
Twitter
Instagram
Pinterest
Linkedin
YouTube
CSArt di Chiara Serri, Via Emilia Santo Stefano, 54, 42121 Reggio Emilia, P. Iva 02390340350 - All Rights Reserved   Privacy Policy -  site by Antherica srl

Le immagini qui riprodotte sono state fornite a CSArt dagli artisti o dagli organizzatori dell'evento per le esigenze legate all'ufficio stampa. Possono pertanto essere "scaricate" solo al fine di corredare servizi, articoli e segnalazioni inerenti l'iniziativa cui si riferiscono. Qualunque indebito utilizzo è perseguibile ai sensi di legge.


Il sito web di CSArt non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto