Fosco Grisendi CSArt
Sei in: CSArt » Artisti » Sito personale dell'Artista » FoscoGrisendi  » Testi critici & Interviste
Gli atleti blu di Fosco Grisendi | Francesco Mancini | 2020
Fosco Grisendi si è avvicinato alla pittura nel 2004, dove ha iniziato a sviluppare un'estetica ben precisa e chiara. I suoi dipinti sono riconoscibili, oltre che per la juta, suo marchio di fabbrica, anche per dei colori vividi stesi in maniera tale da ricordare il mondo delle stampe digitali.
Per saperne di più »
clear
Confidence | Niccolò Bonechi | 2018
Ci troviamo di fronte ad una dimensione che sfiora il linguaggio del fumetto, dove i protagonisti appaiono immobilizzati in una scena senza tempo, consegnati all'eternità avvolti in un'atmosfera rarefatta e sospesa.
Per saperne di più »
clear
Artista della settimana | Arteam | 2018
Quali sono i generi e i modi espressivi che prediligi?
Sono attratto dai clichè che diventano materiale da rappresentare e riconfigurare...
Per saperne di più »
clear
Conservare l'arte contemporanea: intervista a Fosco Grisendi | Benedetta Bodo di Albaretto | 2017
Grisendi si è avvicinato alla pittura nel 2004 ed oggi sono dieci anni che dipinge ed espone i suoi lavori, riconoscibili nel racconto di una realtà filtrata attraverso l'iconografia televisiva, pubblicitaria e la grafica...
Per saperne di più »
clear
It's oh so quiet | Serena Maj | 2017
It's oh so quiet. O forse no: il silenzio prima, dopo o durante la tempesta dei visi dipinti da Fosco Grisendi.
Per saperne di più »
clear
Sidewalks | Alessandro Gazzotti | 2017
Grisendi isola, ingigantendoli o facendoli dialogare tra loro, frammenti di una realtà già rappresentata, readymade tratti dall'iconografia televisiva, pubblicitaria e della grafica e che riguardano tematiche tipiche come lo sport o il viaggio; allo stesso modo si affaccia la rappresentazione (e monumentalizzazione) del quotidiano che prolifica sui social network.
Per saperne di più »
clear
Sidewalks | Chiara Serri | 2017
Camminare di lato, lentamente. Tenersi sul bordo del transito, lungo un marciapiede dal quale la vita scorre veloce. Uno spazio cerniera tra realtà ed immaginazione, in cui arrivano solo pezzi di mondo, o meglio, pezzi di un mondo a pezzi: porzioni di corpi e frammenti di paesaggio combinati tra loro in un equilibrio precario, dove il dato reale, spesso lacunoso, è sorretto dall'invenzione.
Per saperne di più »
clear
Storyboard | Niccolò Bonechi | 2016
Nelle tele di Grisendi si riscontra il trionfo dell'à plat, sancito da un linearismo sinuoso, da un segno netto che definisce lo schema della composizione, dall'utilizzo di pochissimi colori che non distolgono l'attenzione dello spettatore da eventuali intenzioni ornamentali...
Per saperne di più »
clear
Stand your ground | Antonio Zoretti | 2015
Sospese, sollevate ma attive le figure di Fosco Grisendi. Alcune pensanti, ma solitamente operanti. Rimandano agli antichi atleti greci o romani quelle sportive, altre isolate e dimentiche nell'ambiente. Gli sfondi neri esaltano l'effigie; lo sfondo bianco stuzzica solo il segno...
Per saperne di più »
clear
Il vero ruolo | Rossella Iorio | 2015
Il meccanismo che sottende alla comprensione della serie Stand your ground si fa sempre più sottile: un lavoro esclusivo sul dubbio, sul suo utilizzo e sulle possibilità reali (o meno) di accedere alla verità come presenza inviolabile, non manipolabile, univoca.
Per saperne di più »
clear
Stand your ground | Chiara Serri | 2014
Stand your ground, ovvero mantieni la posizione, non arretrare d'un passo. Nasce da un fatto di cronaca americana la nuova produzione di Fosco Grisendi, tesa ad indagare il sottile confine tra verità e menzogna, tra realtà e fiction. / Stand your ground, i.e. hold your position, not a step backwards. Fosco Grisendi's new production, aimed at investigating the thin line between truth and falsehood, between reality and fiction, comes from a true American story.
Per saperne di più »
clear
Fosco Grisendi | Emanuele Baistrocchi | 2014
Di questo ne sono testimoni i suoi soggetti, trasformati e ridotti a forma di idee che sempre ci riportano ad una storia ma non ad una storia delle cose bensì ad una personalissima autobiografia attraverso le cose. Uno sguardo fisso su di un obbiettivo dove l'artista vede tutto di ogni cosa.
Per saperne di più »
clear
Let us drown | Sebastiano Simonini | 2013
La spontaneità di Grisendi, frenata da una tecnica lenta e accurata, si cristallizza in sempre originali soluzioni narrative e impeccabili impaginazioni spaziali. In questo ossimoro caratterizzato da un'istintività di pensiero congelata entro linee nette, colori e stesure piene e implacabili, possiamo collocare la linea poetica dell'autore...
Per saperne di più »
clear
Il mARTEdì di Fosco Grisendi | Margherita Portelli | 2011
Tele grandi come manifesti, colori piatti e luminosi, segni grafici da street-art: la sua opera risulta ricca di richiami figurativi e testuali. Ma chi sono quei personaggi di cui vediamo solo il contorno? Sagome, immagini familiari, amici e nemici...?
Per saperne di più »
clear
Siamo fuori dalla visuale? | Maria Cristina Robuschi | 2011
Tele grandi come manifesti, colori piatti e luminosi, caratterizzano sin dall'esordio la produzione artistica dell'autore, un debutto pittorico legato in qualche modo ai segni grafici dei writers statunitensi, poi progressivamente più libero, più articolato, ricco di richiami figurativi e testuali.
Per saperne di più »
clear
My name | Chiara Serri | 2009
Capo sferico, corpo elastico e colori da video-grafica: questi i tratti salienti dell'omino di Fosco Grisendi, alle prese con i temi più importanti dell'attualità. Dalla famiglia al disagio giovanile, dalla violenza alla ricerca del proprio nome ("My name", 2009), della propria identità.
Per saperne di più »
clear
Opere | Francesco Dazzi | 2008
Quando la vita gli scorre davanti, gli appare sotto forma di immagini, che diventano i personaggi e i simboli dei suoi quadri. Più o meno esplicita, la simbologia che propone nasce nell'impulso che dà forma ai pensieri che lo tormentano.
Per saperne di più »
clear
clear
Agenda Eventi Newsletter
immagine Perchè aderire a CSArt immagine
  Perchè CSArt è un portale interamente dedicato al mondo dell’arte per mettere in rete artisti, gallerie ed associazioni culturali, ma anche uno studio professionale, in grado offrire servizi di consulenza qualificata per l'organizzazione e la comunicazione di mostre ed eventi, la costruzione di siti web, la stesura di testi critici e la realizzazione di pubblicazioni e cataloghi.
 
immagine   immagine
« Ottobre 2020 »
DoLu MaMe GiVe Sa
    1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
feed RSS Feed RSS »
Archivio »
Se desideri essere informato sulle inaugurazioni e gli eventi che riguardano gli artisti, le gallerie e le associazioni che fanno parte della rete di CSArt, ma anche conoscere nuovi talenti e realtà culturali, iscriviti al servizio Newsletter di CSArt.it e sarai periodicamente aggiornato.
immagine iscrivimi immagine

Seguici anche su... Condividi
Facebook
Twitter
Instagram
Pinterest
Linkedin
YouTube
CSArt di Chiara Serri, Via Emilia Santo Stefano, 54, 42121 Reggio Emilia, P. Iva 02390340350 - All Rights Reserved   Privacy Policy -  site by Antherica srl

Le immagini qui riprodotte sono state fornite a CSArt dagli artisti o dagli organizzatori dell'evento per le esigenze legate all'ufficio stampa. Possono pertanto essere "scaricate" solo al fine di corredare servizi, articoli e segnalazioni inerenti l'iniziativa cui si riferiscono. Qualunque indebito utilizzo è perseguibile ai sensi di legge.


Il sito web di CSArt non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto